Posted by Leo Sorge on 16/01/2012 17:30 | Commenti (0)

Scienza e conoscenza dei materiali, scarsa qualità del servizio, scarsa attenzione al marketing internazionale. E' così che gli italiani perdono un'altra possibilità di competere nel mondo non solo in termini di prestigio ma anche e soprattutto per fatturati importanti. E' questo quanto rivela Awareness Survey Usa, un'indagine dell'Ice di qualche mese fa. Sull'argomento è godibile un articolo di Luca Tremolada sul Sole 24 Ore.

Complessivamente, per noi italiani gli indicatori sono sostanzialmente negativi. Eppure storicamente il Belpaese ha una conoscenza profonda dei materiali i più vari, non solo per aver montagne ricche di pietre diverse, o per aver prodotto campane e cannoni in quantità, ma anche per aver inventato alcune plastiche (chi ricorda il Moplen?).

La tendenza a teorizzare e sperimentare, poi, porta ad usi anche molto diversi degli stessi materiali. E ad eccezionali competenze sui materiali corrisponde sempre una qualità elevata dei prodotti.

In particolare, l'indagine dell'Ice mostra che nel confronto con gli altri due colossi (slide 12), Germania e Giappone, perdiamo decisamente con i tedeschi ma siamo leggermente superiori ai nipponici. Sorprendente ma documentato. Dando uno sguardo d'insieme, siamo ultimi solo per il tempo di adozione delle nuove tecnologie, che certo non è poco e conferma la scarsa agilità del nostro sistema.

Qualche indicazione risulta evidente dai dati dell'Ice.

Se vogliamo andare ad aggredire mercati più interessanti e più grandi di quella americano, come ad esempio Cina, Brasile o India, occorre produrre a prezzi più bassi. I mercati tradizionali dell'Occidente stanno rallentando. E' naturale guardare altrove, ma altre aree -come India, Cina e altri Bric o asiatici, hanno logiche e modalità di ingresso diverse da quelle tradizionali. E l'Italia, priva di attenzione al marketing, paga pegno.