Posted by Alessandro Nasini on 20/10/2011 11:35 | Commenti (0)

Non mi capita spesso di leggere un libro (escludendo i buoni romanzi, s'intende) senza fare una certa fatica già dopo poche decine di pagine. Se poi si tratta di opere che leggo "per lavoro" la sofferenza è spesso più forte, acuita da una mia idiosincrasia per gli esempi ridondanti e le frasi fatte.

In questo caso, Futuro Artigiano di Stefano Micelli, la lettura è stata scorrevole e piacevole, con persino qualche momento di entusiasmo e solitaria approvazione.

Che siate un artigiano o un designer, piccolo imprenditore o medio industriale ve ne consiglio caldamente la lettura.

Ci sono molti spunti interessanti, molte riflessioni - forse non tutte nuovissime - ma certamente molto ordinate. Vi troverete ad annuire tra voi e voi in parecchi passaggi, vedrete.



Aggiungi Commento